Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino

Come si paga con PagoPA e cosa è possibile pagare

  • Innanzitutto, i pagamenti possono essere spontanei, ovvero eseguiti su autonoma iniziativa del cittadino (per esempio a fronte di una richiesta di servizio), oppure attesi, cioè dovuti richiesti dall’Ente a fronte di una posizione debitoria preesistente, come accade per i tributi comunali.
  • Identificativo pagamento codice IUV

    In ogni caso, qualsiasi pagamento è identificato univocamente da un codice, chiamato IUV (Identificativo Univoco di Versamento), attraverso il quale l’Ente associa il singolo versamento effettuato dall’utente alla richiesta di pagamento oppure alla posizione debitoria.

    Nel caso di pagamenti spontanei, lo IUV viene generato al momento della richiesta di pagamento, mentre nel caso di pagamenti attesi lo IUV è generato a priori e associato alla posizione debitoria, e viene di norma notificato all’utente tramite un’ Avviso di Pagamento (vedi in seguito).

    L’utente dovrà digitare il codice di pagamento oppure potrà fare una scansione del relativo qrcode presente sul bollettino cartaceo (tramite app della banca o dell’ente e fotocamera del cellulare).

  • Come pagare con PagoPA: tipologie e modelli di pagamento

    Entrambe le tipologie di pagamento – spontanee o attese – possono essere eseguite secondo le seguenti modalità:

    1. Pagamento PagoPA sul sito web/mobile app dell’Ente (modelli 1 e 2): questi modelli riproducono la user experience a cui siamo abituati quotidianamente nell’utilizzo dei pagamenti digitali, dai consueti carta di credito e Paypal fino agli strumenti più innovativi (Satispay, Bancomat Pay, Masterpass, etc). I due modelli differiscono per la modalità di gestione dell’autorizzazione al pagamento, ossia l’autorizzazione al prelievo della somma di denaro dal conto del pagatore, ma in entrambi i casi la richiesta di pagamento viene attivata dall’utente sul portale o sull’app dell’Ente creditore e potrà avvenire:
      • con carta (credito, debito, prepagata) attraverso il POS virtuale messo a disposizione dal NodoSPC (modello 1). L’esecuzione del pagamento ed il rilascio della relativa attestazione di pagamento (Ricevuta Telematica, detta RT) sono immediate;
      • con altre modalità on line sulle pagine web messe a disposizione dal PSP, sulle quali l’utente viene re indirizzato. L’esecuzione del pagamento ed il rilascio della relativa attestazione (RT) sono immediate nel modello 1, mentre nel modello 2 avvengono in funzione delle modalità di autorizzazione adottate dal PSP: se l’utente ha pre-autorizzato il pagamento (ad esempio con lettera di manleva o altro strumento contrattuale), questo è immediato; se l’autorizzazione viene rilasciata successivamente (ad esempio: home banking, notifica su app per smartphone o tablet, ecc.), il pagamento e quindi il rilascio della Ricevuta Telematica (RT) è differito nel tempo.
  • .