Regione Piemonte - Città Metropolitana di Torino

Esistono diversi incentivi che si possono ottenere nell’anno 2021, con la presente si cerca di sintetizzare le misure approvate, rimandando alle guide predisposte dall’Agenzia delle Entrate per effettuare gli specifici approfondimenti:

Bonus ristrutturazioni

L’agevolazione fiscale sugli interventi di ristrutturazione edilizia (l’intervento agevolabile è anche quello della manutenzione straordinaria) consiste in una detrazione dall’Irpef del 50% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare.

La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

Principali interventi ammessi all’agevolazione:

  • costruzione autorimesse pertinenziali al fabbricato residenziale;
  • antifurti, grate ecc.
  • manutenzione straordinaria, restauro e ristrutturazione edilizia;
  • manutenzione ordinaria di parti comuni di edifici residenziali;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • fornitura e posa di pannelli fotovoltaici.

Cessione credito:  E’ comunque possibile cedere il credito alla ditta esecutrice o agli istituti di credito (banche)

Bonus interventi di risparmio energetico

 

E’ possibile ottenere una detrazione fiscale del 65% sui seguenti interventi:

  1.  riqualificazione energetica di edifici esistenti volti a conseguire un risparmio del fabbisogno di energia primaria;
  2.  interventi sull’involucro degli edifici;
  3.  installazione di pannelli solari;
  4. sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale, per le caldaie a condensazione per usufruire della detrazione del 65% è necessario che siano almeno in classe A e siano dotate di sistemi di termoregolazione evoluti (appartenenti alle classi V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02).

Cessione credito:  E’ comunque possibile cedere il credito alla ditta esecutrice o agli istituti di credito (banche)

 

Bonus facciate

L’agevolazione consiste in una detrazione d’imposta pari al 90% delle spese sostenute per interventi, compresi quelli di sola pulitura o tinteggiatura esterna, finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A e B del P.R.G.C.. Sono ammessi al beneficio esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi.

Cessione credito:  E’ comunque possibile cedere il credito alla ditta esecutrice o agli istituti di credito (banche)

Bonus Mobili: a seguito di opere di manutenzione straordinaria sull’unità immobiliare è possibile ottenere uno sconto fiscale del 50% nel limite massimo di 16.000,00€ di spesa

Bonus Verde: il bonus verde consiste  in una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per i seguenti interventi:

  • sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi
  • realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

Danno diritto all’agevolazione anche le spese di progettazione e manutenzione se connesse all’esecuzione di questi interventi.

La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. Pertanto,  la detrazione massima è di 1.800 euro (36% di 5.000) per immobile.

 

Super Bonus 110% per la riqualificazione energetica dell’edificio: 

Per ottenere l’agevolazione è necessario eseguire uno dei dei due interventi definiti “trainanti” a cui potranno essere abbinati altri interventi di risparmio energetico che dovranno consentire di ottenere il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

    1. l’isolamento termico delle superfici opache verticali, orizzontali e inclinate che interessano l’involucro degli edifici, compresi quelli unifamiliari, con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo o dell’unità immobiliare sita all’interno di edifici plurifamiliari che sia funzionalmente indipendente e disponga di uno o più accessi autonomi dall’esterno
    2. la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sulle parti comuni degli edifici, o con impianti per il riscaldamento, e/o il raffrescamento e/o la fornitura di acqua calda sanitaria sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari site all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno.

Cessione credito:  E’ comunque possibile cedere il credito alla ditta esecutrice o agli istituti di credito (banche)

Bonus IDRICO (rubinetti e sanitari legge di Bilancio 2021 comma 62):

Un bonus di 1.000 euro da utilizzare entro il 31 dicembre 2021 per la sostituzione di sanitari con nuovi apparecchi a scarico ridotto e la sostituzione di rubinetteria, soffioni doccia e colonne doccia con nuovi apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari. È il nuovo ‘Bonus idrico’ istituito dalla legge di Bilancio 2021

Il buono idrico sarà riconosciuto per le spese sostenute per:

a) la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti;

b) la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

Per usufruire del BONUS è necessario che sia emanato un decreto attuativo da emanarsi entro il 02.03.2021.